Nessun commento

A Villa Bombrini i «Custodi» del territorio genovese

Intenso e importante fine settimana a Cornigliano per la prima mostra mercato che vedeva i produttori invitati nel parco verde di Villa Bombrini. La manifestazione è stata fortemente voluta dall’Istituto Bergese in collaborazione con Enoteca regionale della Liguria, e supporto dell’Assessorato al Commercio Artigianato, tutela e sviluppo Vallate, grandi eventi del Comune di Genova e Società per Cornigliano. Fra gli obiettivi l’evento si prefiggeva di creare un rapporto diretto fra produttori e consumatori. Alcune aziende, principalmente della provincia di Genova, sono state selezionate con la collaborazione di Slow Food e Onaf in base alle loro produzioni di qualità rispettose dell’ambiente e riconoscibili dal gusto. Durante le giornate sono stati organizzati alcuni momenti di conoscenza fra le aziende e gli allievi della scuola, il professor Andrea Cresta vicepreside del Bergese indica chiaramente uno degli obiettivi: “far conoscere ai ragazzi i prodotti del territorio, le aziende agricole, chi veramente lavora, produce e custodisce il nostro territorio non solo dal punto di vista agroalimentare”. La formazione dei giovani ha bisogno di solide basi e conoscenza delle materie prime per creare innovazioni, la dimostrazione è stato l’aperitivo “Corniglianito”, a base di vermouth realizzato dalla scuola, amaro Soirè dell’opifico clandestino degli infusi, soda al basilico e decorato con rondella di limone. Fra le 30 aziende espositrici, particolare interesse per le 3 Dop della Liguria e il format “Assaggia la Liguria” erano presenti per l’olio Massimo Solari produttore e presidente Apol e il vino con Andrea Bruzzone e Villa Cambiaso rappresentata dal sommelier Massimo Scandale. Interessanti realtà quella del birrificio taverna del Vara che realizza birra a km. zero utilizzando ingredienti coltivati sul territorio. Fra i presenti il noto enogastronomo Virgilio Pronzati che si è prestato volentieri alla degustazione di alcuni prodotti. L’area street food, gestita dal consorzio delle Pro Loco ha consentito di poter assaggiare alcuni prodotti tipici della Liguria. Alcuni momenti di incontro e divulgazione si sono svolti fra i gazebo che facevano da cornice del parco: qui si è potuto conoscere alcuni dei presìdi Slow Food e conoscere come è stata salvata la zucca di Rocchetta, la tradizione dello sciroppo di rose e che dal chinotto di Savona non si realizzano solo bibite ma un profumo super premiato e un tè nero aromatizzato. Il presidio che ha riscosso il maggiore interesse è stato quello della razza bovina Cabannina che presentava i formaggi delle aziende Dolcefiorita e A Cimma, che ha portato anche la crema spalmabile dolcemù. La mostardella, salume della Val Polcevera, prodotta senza nitrati dall’azienda Il Mezzano, è stata offerta assieme alle fave. A tutti i presenti è stato consegnato un diploma di partecipazione che sottolineava la soddisfazione degli organizzatori e delle istituzioni riassunte nelle parole del vicepresidente della Regione, Alessandro Piana: “L’agricoltura è sempre più consapevole, conserva la biodiversità, preserva il paesaggio, La manifestazione mette sotto i riflettori la valenza dell’agricoltore custode, in una simbiosi di economia e ambiente sotto il segno della responsabilità sociale”. Un bilancio totalmente in positivo per la manifestazione che si è conclusa con successo e già pensa all’edizione del prossimo anno.

Premiata La Tabacca,

miglior custode del territorio

L’evento svoltosi a villa Bombrini, ha visto l’obiettivo puntato sull’azienda La Tabacca di Genova Voltri premiata dal comitato organizzativo come miglior custode del territorio genovese. Giorgia e Francesca, hanno ristrutturato ed abitano in una vecchia casa, hanno ripreso antiche coltivazioni con il metodo della permacoltura. Per questa azione di custode del territorio è stata consegnata una targa alla presenza dell’assessore Paola Bordilli, della referente dell’Enoteca regionale della Liguria Simona Venni e dei ragazzi dell’istituto alberghiero Nino Bergese di Sestri Ponente. L’azienda La Tabacca è la dimostrazione che avendo chiaro l’obiettivo da raggiungere si possa diventare un esempio di progetto ambientale e sociale e un riferimento per chi volesse investire nell’agricoltura sostenibile.

Riccardo Collu

Ti può interessare anche

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu