Nessun commento

Genoa? Game over!

È arrivato il giorno di un articolo che non avrei mai voluto scrivere, ma anche l’ultima fiammella di speranza si è spenta e ce ne torniamo, mestamente, in serie B dopo un campionato penoso. Il risultato è sotto gli occhi di tutti e a nulla giova ripetere ciò che sappiamo nei minimi particolari, per cui voltiamo pagina e guardiamo avanti. Dalle macerie di una retrocessione provocata anche da improvvisate discontinuità dirigenziali, tecniche e di campo bisogna creare le premesse per una rinascita che deve aprire nuovi orizzonti e prospettive al club più antico d’Italia. Il punto fermo è la tifoseria che, a memoria, negli ultimi anni, non ricordo così compatta e combattiva in positivo, a tratti persino commovente nell’esternare un amore e una passione incrollabile. Questo mi fa ricordare gli antichi striscioni da stadio che recitavano “Genoa, più mi tradisci e più ti amo”, “Solo chi soffre impara ad amare. Noi soffriamo, ti amiamo e con te ritorneremo grandi”, “Senza la Nord… il nulla”, “Comunque e Dovunque”, per arrivare alla recentissima scritta sull’asfalto della salita della Colletta al Giro d’Italia letto pure dallo speaker che diceva “Meglio genoano in B che doriano”.

Questa è la base, lo zoccolo duro da cui ripartire perché i tifosi sono l’anima del calcio e la società, che ha sempre dichiarato progetti ambiziosi, deve strutturarsi di conseguenza.

Certamente ci sono sempre i contestatori, quelli del “l’avevo detto” a posteriori, quelli che fanno previsioni catastrofiche di permanenza minimo quinquennale in serie B, quelli che alimentano astio e livore verso la dirigenza incapace di conservare la categoria, quelli che, specie sulle tv locali, raccolgono facili consensi di tifosi esasperati dalla retrocessione. Ma questo è il calcio che fa diventare tutti commissari tecnici e che fa fare calciomercato con semplice faciloneria e con i soldi degli altri. Non per niente hanno grande successo di ascolti le trasmissioni che parlano di compravendite per far sognare i tifosi, anche se poi il divario tra grandi società e il resto delle squadre è enorme. Parliamoci chiaro, le piccole realtà sopravvivono grazie a giocatori in prestito che non trovano spazio nelle grandi e a “scommesse” provenienti da campionati esotici a basso costo, nonché della vendita dei giocatori più in vista al miglior offerente. Per il Genoa del futuro è auspicabile un periodo di continuità tecnica e gestionale e mi auguro vivamente che Zangrillo, Blasquez ,Spors e Blessin possano procedere nell’opera di ricostruzione del club attraverso lo svecchiamento degli organici e dei profili più deludenti. Tutto quanto nell’auspicio che direttore sportivo e allenatore riescano, in breve tempo, a spiaccicare qualche frase in italiano.

È notizia di questi giorni che l’ex presidente Enrico Preziosi, dimettendosi dal consiglio di amministrazione, ha definitivamente lasciato la società e questo dovrebbe costituire un ulteriore stimolo per allestire, dopo troppi anni di tribolazione per le continue compravendite di giocatori e allenatori, per rinascere. Forza Genoa!

Roberto Bruzzone

Ti può interessare anche

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu