Nessun commento

A Genova e a Torino Concerto del ricordo e della speranza dedicato alle vittime del Ponte Morandi

Un concerto per ricordare le 43 vittime del Ponte Morandi, a quattro anni dalla tragedia. L’iniziativa, che si svolgerà sabato 2 e domenica 3 aprile rispettivamente a Torino e a Genova, con il patrocinio del Comune e dell’Arcidiocesi di Genova, è stata realizzata dall’Accademia Corale Stefano Tempia, dal Comitato Ricordo Vittime Ponte Morandi, dall’Accademia della Cattedrale di San Giovanni e dal Rotary Club TORINO DUOMO.

Il primo appuntamento è per sabato 2 aprile h 21, nella Cattedrale di S. Giovanni Battista di Torino.

Il giorno successivo, domenica 3 aprile h 21, si replica a Genova nella Basilica della Santissima Annunziata del Vastato, in piazza della Nunziata 4. Ingresso libero.

 Il programma abbina tre brani di ampio respiro e commissionati per l’occasione (14 agosto per mezzosoprano, coro e orchestra di Giuliana Spalletti, Disoriente per mezzosoprano e orchestra di Marco Sinopoli e Vele di luce per mezzosoprano e orchestra di Giancarlo Zedde) alla Pastorale d’été di Arthur Honegger e al tenero Siegfried-Idyll di Richard Wagner.

 Mentre i classici di Honegger e Wagner non hanno bisogno di presentazioni, ecco qualche nota sui brani in prima assoluta.

 14 AGOSTO è la presa d’atto della notizia della tragedia, una consapevolezza progressiva perché inizialmente incredibile, che genera una sorta di dolore cosmico, senza mai perdere il contatto con la realtà della cronaca e della storia.

 VELE DI LUCE è un vero e proprio inno a Genova, alla sua anima descritta da Anton Cechov in modo impareggiabile:

Per le strade di Genova cammina una folla meravigliosa. Quando si esce, di sera, tutta la strada è colma di gente. Poi te ne vai a zonzo, senza una meta tra quella folla; vivi della sua vita, ti confondi a lei nell’anima; e cominci a credere che possa esistere una sola anima universale.

Un inno alla sua capacità di intraprendere nuove rotte e di ricostruire sulle fondamenta della memoria collettiva.

 DISORIENTE si presenta come una riflessione sui segni dei tempi che viviamo, sullo spaesamento, sullo smarrimento dei punti cardinali tradizionali, sulla necessità di recuperare il senso dell’umano come bussola per ristabilire un’alleanza con la natura, una direzione per l’esistenza.

 Interpreti:

 Laura Capretti mezzosoprano

Coro dell’Accademia Stefano Tempia, Luigi Cociglio maestro del coro

Orchestra Stefano Tempia, Antonmario Semolini direttore

 Programma:

 Giuliana Spalletti (1944)

14 agosto per mezzosoprano, coro e orchestra

 Marco Sinopoli (1985)

Disoriente per mezzosoprano e orchestra

 Arthur Honegger (1892-1955)

Pastorale d’été per orchestra

 Giancarlo Zedde (1954)

Vele di luce per mezzosoprano e orchestra

 Richard Wagner (1813-1883)

Siegfried-Idyll per orchestra

Ti può interessare anche
Tags:

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu