Nessun commento

Incubo autostrade, sabato in coda su tutte le direttrici

Sabato caratterizzato da lunghe code sulle autostrade della Liguria che hanno reso l’inizio del fine settimana problematico soprattutto per i numerosi turisti provenienti dal Nord Italia. I cantieri in atto hanno caratterizzato tutte le direttrici del nodo genovese. Il sabato è iniziato con la chiusura del casello autostradali di Genova Pra’, in uscita provenendo da Genova, così come il casello di Genova Pegli chiuso in uscita (provenendo da Genova) ma anche in entrata verso Ventimiglia, per cui chi fosse diretto a Ponente è stato costretto a entrare a Genova Pra’ per prendere l’A10. Nel lungo tratto insiste un immancabile scambio di carreggiata, per cui già a metà mattina si era formato 1 km di coda tra il bivio A10/A7 Milano-Genova e Genova Pegli, ben diventare tre con ripercussioni arrivate fino al ponte Genova San Giorgio. Sulla A10 i disagi sono continuati con altri 3 km tra Arenzano e Celle Ligure (erano addirittura 5 venerdì sera) per lavori sempre in direzione del Ponente e un altro km tra Celle Ligure e Bivio A10/inizio complanare Savona. Sulla A26 la situazione più critica: coda di 4 km tra Ovada e Masone verso Genova, 1 km tra bivio A26/A10 Genova-Ventimiglia e Masone (per lavori) verso il Piemonte. Disagi anche a levante, in A12, dove si è formata una coda di 2 km tra Recco e Chiavari, diventati presto 3.

Ti può interessare anche
Tags:

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu