Nessun commento

Genova, edilizia popolare. Piciocchi: «Pronti tre milioni per caldaie e impianti»

«Quest’anno, in vista dell’accensione delle caldaie centralizzate, come ogni anno, si eseguono tutte le attività di manutenzione programmata al fine di prevenire eventuali disservizi di funzionamento.  In particolare, si effettua una prova a caldo dell’impianto per verificare il corretto funzionamento dei bruciatori, dei sistemi di sicurezza e del collegamento con la telegestione. Segnalo che, al momento, tutti i circuiti di distribuzione sono pieni e non si riscontrano anomalie di funzionamento del gruppo di riempimento in centrale termica. Indagine preventiva fatta, ma ci sono alcuni immobili purtroppo presentano alcune condizioni di logoramento e che hanno bisogno di interventi onerosi di sostituzione e che al netto prove che possiamo fare a inizio anno, sappiamo che dovremo gestire nel corso dello stesso anno delle disfunzioni a livello di obsolescenza. In questo momento ci stiamo affacciando a un’opera estremamente significativa di rifacimento di tutte le caldaie e degli impianti di distribuzione: è una operazione di oltre tre milioni di euro».

Così il vicesindaco Pietro Piciocchi ha risposto al quesito a risposta immediata del consigliere della Lega Fabio Ariotti, in merito allo stato dell’arte degli impianti di riscaldamento centralizzati nelle proprietà di edilizia popolare in previsione dell’arrivo della stagione fredda.

 

Ti può interessare anche
Tags:

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu